sabato 1 settembre 2012

Il punto della situazione

Entro o meglio rientro in punta di piedi e mi vergogno di aver lasciato queste pagine senza di me per tutto questo tempo, dovrei pensare (egoisticamente) che in fondo avevo le mie buone ragioni, ma non ci riesco. 
Non riesco a giustificare la mia prolungata assenza neanche se le cose si sono avvicendate sul serio in modo caotico nella mia vita , soprattutto negli ultimi tempi.

Ho ripreso in mano da qualche giorno Fb giusto per buttarmi "nella mischia" in modo meno traumatico , perchè se anche ero sotto gli occhi di tutti, Fb continua ad essere un posto abbastanza "asettico" ai miei occhi...ma qui..nel mio blog, è solo casa mia. E a casa mia devo lavare i miei panni.
O almeno in parte ;)

Riepilogo delle puntate precedenti per chi su Fb non mi segue.
Sono a Londra da ormai diversi mesi e la vita è abbastanza tranquilla , non ho sentito molto il trauma di essere in un posto diverso, vuoi anche per i miei trascorsi di vita qui tempo fa', ne' ha sentito molto il colpo mr.magnolia perchè è uno tosto (tranne quando vede animali e bambini..ma è un altro capitolo).
A parte il relativo freddolino che abbiamo patito e la pioggia che fino a metà luglio è stata incessante e impietosa, anche sul versante metereologico non ci siamo poi traumatizzati più di tanto.
Piuttosto è la combinazione lavoro che è stata un po' infausta, sarebbe cosa lunga raccontarvi qui.
Se fossimo stati liberi da altri impegni e intendo la casa a Firenze (con tutto quello che comporta in termini economici) avremmo potuto anche continuare per la nostra strada londinese ancora per qualche tempo.
Ma quando ci sono questioni così importanti bisogna prendere il toro per le corna. Quindi probabile rientro a casa..ma senza piagnistei o cenere sul capo perchè siamo cresciuti molto in questa esperienza forse soprattutto come coppia perchè quando ci sono momenti difficili si scoprono le coppie vere. Si scopre il senso di avere un marito o una moglie (e non è per stirare o alzare cose pensanti ahah).

Magnolia è chiusa perchè avevo bisogno di mettere un freno a tutto e chiarirmi le idee.
Questa chiusura l'ho sentita come una cocente sconfitta per molto , non nego di aver pianto quasi da auto soffocarmi , di aver passato giornate di depressione incontrollabile. E io mi sono assentata da qui ..da voi..solo per non farvi vedere e sentire il mio dolore.
Un dolore però che non era giusto farvi vedere perchè era un dolore egoistico e sterile.
In confronto ad altri dolori, che ho provato anche io sulla mia pelle, di tante altre persone..questo è niente.

Ora sto di nuovo bene, diciamo, mi ha aiutato iniziare a sentire la vicinanza delle persone come voi.
E ho realizzato che ho fatto bene a mettere un punto fermo.

Voglio dire una cosa importante perchè la vera silvia non è quella che piange, ma quella che vede sempre una via di uscita anche più grandiosa della strada maestra ( o come diceva una mia collega tempo fa'..anche in mezzo alla merda esiste la possibilità di tirare lo sciaquone...che è un modo di dire terribile..ma caspita se è vero ahaha) :

Per chi inizia adesso un percorso da wp..vi prego non vi lasciate spaventare dalla mio fermarmi perchè lo voglio ritenere solo momentaneo e solo un momento di cambiamento percorso.
Ma anche se fosse permanente, vi dico una cosa...andate avanti cazzo perchè se non provate fino in fondo a fare quello che vi sentite ve ne pentirete tutta la vita. E quella è una pena più infita di qualsiasi lacrima versata solo per una pausa o un freno.
Preferisco pensare di aver chiuso definitivamente, ma aver vissuto degli anni di lavoro meravigliosi...che pensare di guardarmi indietro e non vedere proprio una cippa di niente.
Quindi muovete il culo e andate la' fuori a reclamare il vostro posto.
( e questo sfogo un po' duro è dato dai tanti talenti che vedo sprecati in giro che trascinano la loro esistenza ,in senso lavorativo, tra un giudizio ed un commento di altre persone...qualsiasi cosa voi facciate ci sarà sempre qualcuno che farà commenti negativi, basta che la persona che commenta negativo non siate voi stessi perchè quella è la vera fine)

Tempo fa' parlavamo di porte che si chiudono e di portoni che si aprono. Quando arrivano momenti nella vita che vedi solo porte chiuse o che tutte le porte che ti si aprono portano ad una strada sbagliata..è solo un concatenamento di vicissitudini che vi porteranno a scoprire cosa fare di voi stessi. Quando sembra che non ci sia più niente, qualcosa c'è sempre.

Ho passato un periodo difficile e ancora non ne sono fuori, ma ..quello che non ti ammazza non solo ingrassa (:P nessun riferimento al mio lato b please), ma ti rafforza anche.
Penso che tutto questo potrebbe portarmi ad essere un'insegnante migliore, vorrei proprio riprendere i corsi e darvi quello che ho dentro e tutto quello che ho visto e imparato, perchè continuo a pensare che fare la wp non è mettere dei segnaposti al tavolo, ma donare il proprio universo ad una coppia e questa è un'arte che si affina anche con l'esperienza.
Quindi niente lacrime...datemi solo tempo di rimettere in sesto le cose.

Vorrei ringraziare tutti voi per i messaggi, per le parole e per lo starmi vicino anche se non ci siamo neanche mai visti.
Ho guadagnato voi in tutto questo ed è il risultato più bello.



post signature

1 commento:

  1. Ciao Silvia! ti leggo da tanto, ma non ho mai commentato prima d'ora.. Ti capisco! E come.. E anche io quando ho temporaneamente "sospeso" la mia attività ho ricevuto tantissime soddisfazioni morali! C'è stato il primo momento di sconforto, poi la repulsione contro qualsiasi cosa fosse inerente le nozze, infine il riavvicinamento ponderato e sereno.
    Purtroppo devo dire che nei paesini come il mio è difficile trarre un guadagno tale da poter essere chiamato stipendio, ed è altrettanto vero che una wedding planner non può esserlo part time o per hobby! Poi oggi in ogni "trattoria" c'è sempre più l'abitudine da parte dei proprietari di improvvisarsi organizzatori e sconsigliare la wedding planner agli sposi (!!!).. addirittura qui in zona c'è una location che impedisce alle coppie di portare esterni per i preparativi.
    Questo per dire che non è facile, ma non impossibile. Spero di leggere presto la tua piena ripresa dell'attività, ridimensionata (in grande sicuramente) per le tue necessità! Ti abbraccio e ti auguro una buona giornata! p.s. per solidarietà a te.. oggi piove anche nella bella Toscana!!

    RispondiElimina