martedì 25 maggio 2010

Prove e pensieri

piccoli pensierini per le spose

Buongiorno e buon inizio settimana..anche se è già Martedì e la settimana è ufficialmente già iniziata ieri :-P lo so, però facciamo finta che inizi oggi dai ;-) che ieri non ho avuto tempo di aggiornare il blog.
Finalmente qualche giornata di sole che mi sta asciugando le ossa e che mi da' un po' di buona energia per affrontare i prossimi mesi che saranno un delirio di appuntamenti, prove, matrimoni, giri, ore e ore di lavoro..insomma avrò sicuramente anche poco tempo per poter aggiornare il blog o la mia pagina di Facebook purtroppo , ma prometto che farò sempre del mio meglio per essere presente il più tempo possibile ..giuro giuro :-D.
e piccoli pensierini per le accompagnatrici

Bene bene..sono proprio orgogliosa della giornata di Sabato scorso perchè abbiamo proprio fatto il pienone! Grazie a tutte le future sposine che hanno partecipato e che hanno reso questa giornata un'occasione unica per me per poter gioire ancora una volta di buonissima compagnia in allegria e serenità. E grazie a tutte le mamme, amiche e futuri sposi che le hanno accompagnato che sono stati di grande supporto :-) grazie da parte mia e di Silvia Gerzeli.
Molte di voi mi stanno chiedendo a quando la prossima edizione, beh direi che per adesso ci prendiamo una piccola pausa causa molti impegni sia miei che di Silvia e quindi sicuramente "riapriremo i battenti" a Settembre. Poi vediamo se riusciremo ad inserire una data da qui ad allora :-P ma non prometto niente eh!

Sto completando poi anche lo shop finalmente e ho approfittato Sabato scorso per allestire un piccolo angolino nello studio con tutti i fiori e spille che ho creato (ne sono rimansti pochini a dire il vero..devo mettermi a rifare un po' di cosine :-P) ..grazie alle ragazze che li hanno acquistati!
:-) è rimasto proprio pocbino dei fiorelli...

Sì ma perchè pensieri? Già! Perchè ho ricevuto un bel po' di email ultimamente di persone che hanno avuto modo di leggere buona parte del mio blog anche a ritroso nel tempo e mi hanno scritto per condividere la loro storia di panico e ansia con me che purtroppo ne soffro.
Alcuni mi hanno semplicemente scritto per condividere e li ringrazio perchè per aprirsi con me vuol dire che vi ho ispirato fiducia, grazie vi ho nel cuore. Altri mi hanno chiesto come faccio a sembrare così attiva ed energica quando loro non riescono neanche ad uscire di casa..uhmm...già lo so ragazzi ci sono passata non mi raccontate niente di nuovo purtroppo.

E quindi oggi voglio proprio infondere (o almeno cercare) un po' di energia positiva e di carica a tutte quelle persone la' fuori che mi leggono e che non sanno neanche perchè la loro vita sia stata stravolta così da una malattia "non malattia" da un male ancora molto oscuro che può portare al declino vero di un essere umano.

Io non sono guarita.
Ho solo dichiarato guerra.
E la vincerò, che sia anche l'ultimo giorno della mia esistenza...io vincerò.

Ricordo fin troppo bene le giornate passate a non sapere neanche come scendere le scale di casa mia, quel senso di vuoto che mi pervadeva testa e anima facendomi sudare freddo e facendomi credere in una mia morte immenente. La difficoltà anche solo ad attraversare la strada, la difficoltà ad entrare in un supermercato perchè tutto mi girava attorno e avevo solo paura di svenire.
Ricordo di essermi annullata per mooooooooolto tempo. Anni. Il buio.
Perchè quando il panico ti attacca è un nemico che lede la tua dignità di persona, che ti rende dipendente dagli altri e ti ruba la tua autonomia e sicurezza.
E purtroppo ti strappa anche l'autostima.

Tutti voi siete più importanti di quello che pensate e più talentuosi di quello che credete.
Credetemi io non ho trovato la soluzione a quella angoscia che tutt'ora mi attanaglia il petto di tanto in tanto, ma ho solo imparato a combattere per me stessa.

Guardatevi allo specchio. Non vi riconoscete più vero? nella maggioranza dei casi sarete anche gonfi di medicine che cercano solo di tenere a bada gli attacchi , ma potete credere a me..non risolvono proprio niente. Perchè l'unica soluzione è dentro alla vostra testa.
Non vi piace quello che vedete allo specchio. lo so tesori. Lo so. Allora arrabbiatevi, tirate fuori quella rabbia che vi fa' urlare e piangere tutte le volte che avete un attacco "perchè a me? perchè sempre?" usate quella rabbia contro il panico. Cominciate a dirvi "non vincerai contro di me" .

Parlatene con il vostro medico e seguite i suoi consigli e iniziate un percorso di "depurazione" insieme a lui dalle medicine (chiaramente se potete e sempre sotto controllo medico mi raccomando) .

E iniziate a progettare la vostra vita. Cosa vi fa' stare così male? qualsiasi cosa sia provate a cambiarla anche se sarà un sacrificio e pensate che sia impossibile, non c'è niente di impossibile . L'unica cosa impossibile da concepire è continuare una vita nel panico no?

Io la mia risalita la devo al mio lavoro, all'aver trovato il coraggio di cambiare , di cambiare lavoro, di cambiare me stessa , di buttare alle ortiche la vecchia noiosa, timida e riservata Silvia che riusciva a mala pena a fare da tappezzeria nella vita degli altri. La devo a mio marito che mi ha supportata, la devo alla mia famiglia..sì sì tutte cose giustissime e vere.
Ma se volete iniziare un percorso di guarigione...vi devo dire la vertià.
Se ho iniziato la risalita...lo devo solo a me stessa, perchè solo voi stessi potrete essere i veri fautori della ripresa.

Siate sempre orgogliosi di voi e di quello che siete, iniziate a mettere da parte un po' la modestia e mostratevi al mondo per quello che siete, siete veramente più importanti di quello che credete.
Avete molto talento dentro di voi e ogni sogno che avete chiuso nel cassetto merita di venire fuori e voi vi meritate di realizzarlo.

Siete forti , forza grinta e iniziate sempre la vostra giornata pensando che sarà meravigliosa.
Ce la potete fare credetemi.
questo non vuol dire che non avrete più attacchi..io ne ho, ho solo imparato che io sono molto più forte di loro e ogni volta che provano a ributtarmi per terra, io sorrido , accuso il colpo forse, ma mi rialzo e continuo ad andare avanti.

Niente e nessuno deve buttarvi per terra. Mai.
Credete in voi.
Siete sempre nei miei pensieri.

4 commenti:

  1. non so esattamente che dire...è un problema che ho avuto per un periodo brevissimo della mia vita, quando è mancato mio padre, volevo solo rire a te Silvia che mi manca tanto l'idea di te che mi "accompagni" nei preparativi...e che ti leggo sempre e che ti abbraccio forte e che...(sospirone) uffa, ecco.
    chiara cdb

    RispondiElimina
  2. Buongiorno mia cara... non dico niente, ti mando solo un bacio e un abbraccio forte forte...
    Buona giornata,
    Silv.etta

    RispondiElimina
  3. @Chiara ti abbraccio forte cara e grazie
    @Silv.etta bacio a te....grazie

    RispondiElimina