lunedì 31 maggio 2010

Una sposa low cost... 1° parte



Buongiorno e buon Lunedì tesori!

Oggi low cost? ahh sì sì cari.
Molto spesso si parla di come risparmiare sulla location, sul pranzo o cena..sulle bomboniere..insomma su tante cose, ma sul "look" della sposa si sprecano troppe poche parole secondo me e invece è proprio un aspetto importantissimo se pensate al costo generale di "vestire" una sposa.
Cioè se ne parla anche troppo , forse, sulle riviste specializzate ,ma con uno scopo decisamente diverso da quello che ho in mente io. Vedo mille riviste (confesso ne compro poche italiane, ma non che su quelle estere sia diverso ) e le uniche cose che trovo ripetute anche fino alla noia sono pubblicità di vestiti, vestiti, vestiti, qualche esempio di bouquet ...ah l'ho detto vestiti? :-P
Per carità! bellissimo vedere quante varianti di vestiti esistono in tuto l'universo, ma dopo un po' di pagine sfogliate ci si domanda quanto costano e se saranno adatti a noi vero?
E lì casca l'asino purtroppo (povero asino..vabbè ).

L'idea di una sposa fresca fresca di atelier è forse il sogno più normale ed usuale per qualsiasi sposa (poi a dire il vero ci sono anche molte ragazze che iniziano a concepire un'idea un po' più inusuale di vestito ma quello lo vedremo..) , però quando si inizia a fare qualche giro tra atelier vari o a sentire amiche o conoscenti appena sposate, si rizzano i capelli ..uhm sì sì care lo so.

Premetto, non sono una che demonizza gli atelier quindi non sentirete mai partire dalla mia bocca che non si deve andare da tizio piuttosto che da caio perchè sono troppo cari.
Ritengo che ogni sposa , ergo ogni coppia , debba studiare bene che passi fare per qualsiasi aspetto del proprio matrimonio , non di meno per il loro look e questo attenzione non vuol solo dire "potersi permettere economicamente una cosa o no" c'è anche il "quanto ritengo giusto spendere per questa cosa" e " mi piace tantissimo questa cosa ..anche se costa un'inezia"..quindi chi ha la proprio wp al seguito saprà già che non è detto che si debba escludere una cosa a priori, perchè avrete già studiato con lei i passi necessari da fare per trovare il giusto "sposa look" :-D.
Per chi non ha la wp al seguito, il procedimento è sempre lo stesso: mettetevi a tavolino a cercare di dare un budget ad ogni singola voce che compone l'organizzazione del vostro matrimonio , per avere una visione più precisa di dove andare a parare e poi la sposa si metta in animo di girare un po' e di farsi idee diverse ..lo so tesori è una faticaccia , ma ricordate di non essere affrettate e di girare almeno un po' anche solo per verificare che la prima prova che avete fatto era proprio quella per voi.
Parola d'ordine: provare, provare e provare...psss.consiglio da wp...anche modelli che non pensereste mai di mettervi , perchè date retta a me.. ;-) ne ho viste troppe di sposine cambiare radicalmente idea provando modelli che per loro erano stile "assolutamente mai".
uhmm...mai ehh? ;-) aahahah sì sì..come no.

(@thecrumpetcloset via etsy) entrambi magnifici abiti sposa vintage a partire da 299 dollari wow!

Beh partiamo quindi con sviluppare una bella sposina low cost. Stilate una lista di quello che vi serve quel giorno, non sembra ,ma certi piccoli dettagli si dimenticano facilmente.
Direi in generale :
- vestito (compreso scialle o altro completamento)
- scarpe
- lingerie (ehh sì ci dovete pensare soprattutto per modelli di vestito con decoltè ampi e senza spalline)
- calze (dipende dalla stagione)
- monili vari (tutto dipende dal look e stile del matrimonio...vietatissimo l'orologio ! )
- bouquet
- trucco e parrucco
- accessori per capelli (che sia velo, che siano fiorelloni o diademi, cappelli ecc....)
- giarrettiera (a chi piace)

Questo è un post che ho dovuto ovviamente dividere perchè sarebbe veramente fare concorrenza al Manzoni se dovessi parlare di tutto oggi :-P ..quindi partiamo dal vestito.
Sembra la cosa principale , ma attente che il più bel vestito non è niente se non accompagnato dalla giusta "rifinitura"..vi spiego...potete anche mettervi un vestito delle spose di Giò o di Pignatelli o altro atelier famoso, che sarà stupendo e meraviglioso, ma se poi andate in ciabatte e con in bigodini..risulterà un flop sempre e comunque. Quindi attente anche ai prossimi post ;-) mi raccomando.

Come risparmiare su un vestito da sposa. Partiamo da varie scale di budget: per chi ha budget medio-alti direi che una buona soluzione è chiedere anche negli atelier di stilisti e marche famose se hanno campionari in vendita e se hanno vestiti di "prima fascia di prezzo" e già lì potrete avere un abito firmato con una spesa non stratosferica.
Oppure altra soluzione : atelier non di stilisti famosi. Qui in realtà si possono trovare molte soluzioni adatte a molte tasche con abiti a partire anche da 1.000 euro (anche meno ma dipende dall'atelier) e se hanno un buon laboratiorio possono anche creare dei vestiti personalizzati (chiaro più si personalizza e più i costi potrebbero, ma dico solo potrebbero , alzarsi)
davanti alle spose di giò mi inchino..non si può dire niente..solo superbi!

Poi ci sono vari negozi che vendono marche straniere minori, sia in campionario che non e trovate delle buone occasioni,soprattutto sui campionari, ma c'è sempre e comunque la limitazione della taglia. Quindi il campionario è un vantaggio non indifferente per chi ha taglie comprese dalla 38 alla 42.
Consiglioper tutte e tutte le tasche: sempre provare almeno 3-4 atelier di diversa tipologia e anche modelli diversi..per paragonare qualità , prezzi, disponibilità e feeling e per capire cosa vi sta' meglio :-) ..mai affrettarsi troppo , prendete la scelta con calma e serenità.
(@valenta wedding) provare provare provare ...non è detto che un modello che pensano non adatto a voi..lo sia veramente :-) ..stessa cosa per i colori..provate anche qualche colore

C'è poi la possibilità della sarta che è tanto amata da molte spose perchè a volte si riesce a risparmiare anche la metà rispetto ad un atelier per un modello che vi piace. Ovvio che tutto questo dipende dalle stoffe, dallo stile .....e dalle sarte. Un consiglio che vi do' è di fare un giro tra le sarte che trovate attorno a voi e andate a conoscerle e a parlare del vestito, potrete controllare già da un primo incontro la professionalità, la disponibilità e quanto "vi ispirano " subito dal primo incontro. Dovrete in teoria fare un lavoro molto delicato con loro quindi è bene che ci sia sempre un buon feeling di rispetto e fiducia tra voi. E' importantissimo.
I prezzi dalla sarta..mah sono i più disparati perchè si va da un minimo di 200-300 per un abito cocktail normale senza troppi ricami fino a chiaramente anche 2.000 euro se si scelgono tessuti pregiatissimi, ricami.
Shhh..segreto...il prezzo cala abbondantemente se evitate di fare un corsetto rigido perchè la struttura del corsetto è di impegno manuale non indifferente e quindi ha il suo giusto costo (che a volte può essere anche alto a seconda del rivestimento).
(via planmywedding.com) direi che questo è proprio l'esempio lampante di diverso stile..avete un'idea particolare? la sarta è sicuramente pronta ad aiutarvi

Da non dimenticare l'importanza del vintage (quello vero però..cioè proprio un vecchio vestito della mamma o nonna..oppure comprato real vintage) che vi permette di avere un abito d'epoca anche particolare e ricercato a prezzi più abbordabili addirittura a partire da 200 euro.
Se non addirittura gratis se era di famiglia ;-).

Il budget cala cala cala? Beh per chi ha la fortuna (ritengo proprio una fortuna grandissima ) di saper cucire o di avere qualche parente o amica che sa' cucire..allora siete già a posto, anche perchè la soddisfazione di creare da sole il proprio abito da sposa ...è impagabile vero? :-D sì sono d'accordo! ahh magari saper cucire bene! e lì ,soprattutto se fate da sole....si può partire anche da soli 100 euro per la stoffa (a seconda della stoffa)

E per ultimo ci sono i geni.
:-D eh sì perchè queste tre ragazze...se non me le chiamate genio del low cost..non saprei come definirle ...assolutamente in gambissima!! brave!!
(via afoxwedding.com) riuscite a credere che questo fantastico abito è fatto di filtri per la macchina caffè americana? non so quanto regga alle piogge , ma decisamente inventiva a 1.000 per l'inventore
(@younghouselove.com) pensare che questo delizioso abitino sposa è stato nella sua "precedente vita" :-D...

questo! beh tanto di cappello per la bravura della ragazza che è riuscita a decolorarlo egregiamente! perfetto esempio di riutilizzo abito e costo quasi zero (tolto i prodotti decoloranti)

(@via craftzine) e se siete curiose di capire come è passata questa ingegnosa sposina da queste banalissime magliettine di cotone bianche a....
a questo delizioso abitino...ah allora seguite questo link

to be continued .....



12 commenti:

  1. caspiterina...questi ultimi vestiti sono sorprendenti!!! :-D
    Silvia io leggo...dovrei sposarmi l'anno prossimo, quindi tutto quello che dici è importante per me :-D
    Smuuuackk
    Ago

    RispondiElimina
  2. Agoooo smuuuuuacckkk a te cara :-D e grazie!

    RispondiElimina
  3. sempre in linea coi miei pensieri... non avrei saputo dir meglio!

    posso aggiungere, se posso, due ulteriori e personalissime righe?

    io ho 27 anni, presto sposa. vogliamo sposarci low cost.
    i miei amici che hanno fatto una scelta simile hanno optato per un pranzo frugale e niente bomboniere.
    noi invece offriremo un ottimo pranzo a chi si farà 800 km per starci vicini. e doneremo anche un bel ricordo di questa giornata...
    è sull'abito della sposa (ooooohhh ma sono io la sposa.....ooohhh eheheh) che posso notevolmente risparmiare! prima di tutto perchè lo indosserò solo una volta, poi perchè mi serve l'armadio per l'ingresso e costa quanto mezzo vestito da sposa (LOL) e poi perchè la principessa posso farla anche senza grooosse cifre... in effetti sono principessa di mio ahahhaha risparmieremo su questo e altro... ma non sull'ammmore...
    buona giornata carissima!

    RispondiElimina
  4. @Ann@cci eh che bel commento e bravissima la mia principessa e vivi sempre al massimo il tuo ammmmore mi raccomando bacio grande!!

    RispondiElimina
  5. Prossima sposa piùomenolowcost all'appello! Il vestito me lo ha regalato mia mamma, ma ci tenevo a non farle spendere troppo perché anche a lei gli euro non crescono nell'orto (altrimenti mi sarei già fatta passare una piantina), quindi... ;-) Se posso citare un marchio, io mi sono trovata piuttosto bene da Max Mara. Con meno di 1000 euro ho trovato un vestito semplice, fatto bene, compreso di coprispalle in lana e servizio di sartoria e lavanderia. Certo, non è un'atelier ma io quelli li volevo proprio evitare perché mi mettono ansia... Bisogna anche accontentarsi di portare a casa un esemplare che probabilmente è stato provato anche da altre, ma te lo lavano prima di consegnartelo e comunque a me non importa molto, non sono schizzinosa su queste cose. Il prezzo rimane ancora sproporzionato, secondo me, ma viste le cifre che girano è comunque un buon compromesso, secondo me.
    Per quanto riguarda le scarpe... anche lì sono riuscita a risparmiare perché ne ho prese un modello non da sposa, in un negozio comune, a 70 euro. Tra l'altro, sono delle ballerine colorate quindi le potro mettere anche dopo!:)

    RispondiElimina
  6. Speravo che non succedesse anche in Italia, poi lo leggo anche qui... budget.
    Ora dico, sarò privata io ma non penso proprio che siano fatti della WP quando ho in tasca, quanto non ho, e chi e come paga. Io con una WP che mi fa i conti in tasca non ci lavoro. Il compito di una WP, secondo me, è quello di informarsi di cosa voglio, darmi SEMPRE suggerimenti in favore del miglior rapporto qualità prezzo (non è che perchè me lo posso permettere di spendere allora devo farlo, eh) e farsi pagare sul tempo che coordinare il tutto le prende (NON a percentuale su quanto costa la merce... se compro le bomboniere di argento invece che di carta non è mica che lei lavora di più!).
    Detto questo, non solo certi prezzi sono inflazionati, ma spesso i prezzi più inflazionati sono proprio quelli delle cose che costano "poco". Un esempio su tutte: le bomboniere, il make-up, il parrucchiere, le scarpe, gli accessori, il cuscino portafedi, etc.

    RispondiElimina
  7. @Pianobi eh brava se sei contenta tu è la cosa migliore del mondo no? :-D grande
    @Rosanna è vero il compito di un wp è di capire i gusti e "ascoltare" i propri clienti e dare suggerimenti in base a queste indicazioni, la realtà dei fatti è che sarei una pessima wp se non mi interessassi di quello che è il loro budget (che sia più o meno alto) perchè rischierei di consigliare cose non adatte (anche se bellissime) , non è detto che si segua poi alla lettera il budget perchè gli sposi sono i primi ad accettare di spendere su cose a loro congeniali, però avere un range di azione anche di prezzo può aiutare molto. Non ci sono regole ferree su questo argomento e credo che un bravo wp sia quello che capisce (anche essendo proprio diretto nel chiederlo) se il budget è un aspetto da seguire in modo molto preciso o meno. Grazie del passaggio!! :-D buona domenica!

    RispondiElimina
  8. Marianna, inizio col dire che non è per fare polemica, è per capire. Se io vado da un avvocato, da un dottore, da un commercialista, non mi sento chiedere "lei quanto può spendere". Di solito, vado da loro, che mi fanno domande, tentano di capire di cosa ho bisogno, e mi prospettano *diverse* opzioni con relativi costi. Ecco, io vorrei una WP che si comportasse in questo modo. E vorrei capire perchè non ci si comportano.
    Alcune mi hanno detto che faccio un esempio di professionisti che hanno tariffe relativamente fisse e che non va bene.
    Ma di nuovo: se vado al ristorante, al cinema, o a comprarmi un vestito, *nessuno* mi chiede "quanto hai in tasca?". Mi chiedono cosa voglio e mi informano di quanto costa. E quindi, non accetto lo faccia la WP.
    Fra l'altro, siccome ho intenzione di fare anch'io la wedding planner (a breve), di sicuro so che non chiederò ai miei clienti quanto hanno in tasca. Ascolterò i loro sogni e le loro speranze e farò una proposta (come faccio ora, nel mio attuale lavoro) con tutta la lista delle prestazioni e relativo costo. Se crederanno, taglieranno dove vorranno. Ma io di certo non chiederò ai miei futuri clienti se si possono permettere il mio onorario... così come non lo chiedo ai miei clienti adesso.
    Proprio non capisco cosa cambia.

    RispondiElimina
  9. @Rosanna ma figurati non è assolutamente polemica , è giustissimo che ognuno abbia le sue opinioni e io sono sempre contenta di confrontarmi e di poter imparare. E' forse vero quello che in realtà ti hanno già detto dei professionisti che hai citato, in fondo già hai fatto una pre-decisione sul tuo budget se entri in un ristorante di grido piuttosto che in una pizzeria..però quello che io ritengo vero è che non esiste un modo "giusto" di operare. Molto dipende anche dal tuo mercato di riferimento , credimi che nonostante parli spesso di low cost, non faccio certo troppo i conti in tasca quando incontro una coppia per la prima volta anzi sono sempre loro che entrano in merito. Poi non c'è,ripeto , una regola ferrea nel seguire il budget (se viene dato) a meno che non ti venga specificato in modo chiaro che c'è da essere molto precisi.
    un bravo wp è anche quello che sa carpire anche velatamente quella che è la situazione e comportarsi in modo più o meno defilato sul budget nei vari casi. :-D qualsiasi modalità di lavoro è perfetta se praticata con umanità e sensibilità. Mia opinione e non legge chiaro!
    Grazie ancora!
    :-) però mi chiamo Silvia :-D

    RispondiElimina
  10. Scusa scusa scusaaaaaaaa ODIO sbagliare i nomi! Scusa, davvero tanto :)

    RispondiElimina
  11. ma va di che ti scusi ci mancherebbe :-D anzi grazie per la bella conversazione ;-)

    RispondiElimina
  12. Ragazze, vorrei sconsigliarvi di scegliere la manifattura estera di dubbi PROVENIENZA, perchè è mal fatta e potrebbe essere nociva, in quanto spesso si utilizzano coloranti, acqua sporca, finissaggi da noi vietati. Appoggiate sempre il MADE IN ITALY per non far scomparire l'abilità delle nostre maestranze.
    La scelta del PERSONALIZZATO è invece un'ottima soluzione per un abito low cost, soprattutto se il modello è SEMPLICE, la modellista impiegherà poco tempo nel realizzare il modello. Lasciatevi consigliare poi da professionisti, scegliere un tessuto di qualità, meglio se seta e l'abito cadrà su di voi a pennello! Sono una stilista specializzata in abiti da sposa e quello che consiglio alle spose per essere impeccabili e speciali, pur spendendo poco è di preferire un modello semplice, ma con un dettaglio studiato apposta per voi. Può essere una fascia colorata, un ricamo, un fiocco particolare che lo stilista può fare su di voi o una coda innovativa ecc. Solo un piccolo dettaglio per rendervi uniche!
    Fate un salto sul mio blog, mi fa piacere! Annalisa http://lamiastilistapersonale.wordpress.com/

    RispondiElimina