venerdì 21 marzo 2008

Del perchè e del per come...


Bene! E' ufficialmente primavera!..Davvero?...non me ne ero proprio accorta dato il freddo e la pioggia che imcombono oggi su Firenze. Non ne posso veramente più di questo tempo, non vedo l'ora di crogiolarmi un po' al sole. Tanto per dare parvenza di primavera mi metto un bel fiorellino fotografato sull'isola di Sentosa a Singapore qualche giorno dopo il mio matrimonio (eheh si vede anche dalla data!!).
Del perchè ho iniziato questo lavoro un po' l'ho già accennato.
Del come è leggermente più complicato.
Innanzi tutto il procedimento ufficiale (P.iva , cciaa, ect.) è stata la cosa meno impegnativa. Pratiche normali da ufficio.
Per il resto ho iniziato studiando un po' , informandomi e leggendo riviste specializzate, navigando moltissimo su internet, che rimane grande fonte di ispirazione e aggiornamento professionale tutt'ora, e facendo tesoro delle esperienze dei fornitori che collaborano con me, cercando di approcciarmi con semplicità e serietà al cliente. Poi chiaramente devi essere una brava organizzatrice perchè devi riuscire a tenere in ordine non solo la tua agenda ma anche quella degli sposi sottraendoli allo stress degli aspetti più antipatici dell' organizzazione e lasciandoli liberi di scegliere con serenità cosa è meglio per loro. Avere gusto estetico, essere disponibile al massimo possibile, sorridere sempre e avere tanta costanza e pazienza.
Chiaramente il lavoro di ricerca clienti è una costante della mia giornata e non si stacca davvero mai in questo lavoro, ogni occasione è buona per presentarsi e fare presente che lavoro faccio.
Trovare i fornitori che ti possano aiutare è invece facilissimo perchè nessuno ti dice "no" se offri lavoro, anzi ad un certo punto sono stati loro a cercare me. E dopo un po' impari a selezionare quelli di fiducia e qualità da quelli un po'...diciamo..sui generis.
Dato che il mio sito (purtroppo...ahimè tapina) ancora non è pronto, sfrutto il blog per spiegare alcune cose.
Quando una coppia (italiana, perchè nel caso degli stranieri le cose cambiano abbastanza) mi chiama e vuole incontrarmi (apparte l'agitazione che mi viene e il cuoricino in gola n.d.r.) cerco di spiegare loro il più semplicemente che posso quello che offro. Faccio due chiacchere generiche per capire gusti ed esigenze e lascio loro una cartellina con un po' di informazioni sia sul matrimonio (come un piccolo riassunto delle scadenze , informazioni sui documenti, qualche regola del galateo) unendo un 'elenco dei miei servizi con la mia metodologia di lavoro. Il metodo di lavoro è importante perchè è quello che differenzia una WP da un'altra.
Cerco di stabilire un contatto che sia prima di tutto di fiducia completa. Redigiamo insieme un budget e una linea conduttrice del matrimonio: due aspetti fondamentali per me per realizzare un "progetto nuziale su misura".
Quando incotro nuovamente la coppia (sempre se interessati) presento il mio "progetto" ed aspetto con ansia il verdetto.
E lì è tutto in mano agli sposi. In caso positivo iniziamo insieme un grande percorso che ci porterà a diventare amici e costruire un bel rapporto che nella maggior parte dei casi prosegue anche dopo il matrimonio.
Ahhh.....è sì...son proprio soddisfazioni!
In caso negativo?...auguro loro il meglio e rimboccandomi le maniche rinizio la ricerca...

1 commento: