giovedì 20 marzo 2008

Sposa bagnata sposa fortunata?


Ma sarà poi vero? Speriamo di sì, perchè ovviamente la sottoscritta ha l'onore di essere annoverata tra le spose che hanno avuto la sfig..upsss..pardon..la casualità metereologiga contro. Perchè ovvio che quel giorno stava piovendo. Ovvio no? Per la famosa legge di Murphy...
Ebbene sì, lo ammetto quei bei ragazzi accanto (belli poi!?!) siamo io e mio marito la bellezza di 3 anni fa in quel delle Isole Fiji, mentre ci sposiamo con grande emozione e paura!
Sì sì sono io..inutile che facciate raffronti con la foto del profilo. Sono io 30 Kg fa con i capelli corti e rossi..ma sono io. Giuro!
Molte di voi, ma comunque in tanti, mi chiedono da dove ho iniziato il percorso di Wedding Planner.
Magari vi sembrerà strano ma lo zampino della Jennifer Lopez c'è e lo ammetto. Quel film fu per molte di noi (e parlo di tante mie colleghe) una fonte di apertura mentale e di ispirazione grandiosa. Film in se' per se' dalla trama di poco spessore, ha dato il là a molte persone per approfondire un mestiere completamente sconosciuto ai più in terra italica.
Io fra quelle.
Ma se c'è una cosa che ho imparato guardandomi indietro è che bisogna sempre provarci anche andando controcorrente. Perchè?
Il film credo sia uscito agli inizi del 2000 ed io ho iniziato con i primi progetti per amiche, quindi a titolo solo di regalo o favore, nel 2006. E nel frattempo? Paura!
Paura di non essere in grado, paura di buttarsi in qualcosa di nuovo, che essendo tale spaventa sempre a morte, paura di fare bruttissime figure e farsi ridere dietro....paura di scoprire che forse ero brava davvero.
Un consiglio spassionato: non vi fate fermate dalle paure e da opinioni , anche della famiglia, che non sono positivi. Seguite sempre quello che vi sembra giusto fare. Io lo rimpiango molto.
Allora..torniamo a quei due squinternati sopra....diciamo che per tutta una serie di motivi, non ultima quella economica, la scelta di sposarsi all'estero era praticamente dovuta. Mio marito ha scelto la destinazione e io ho organizzato tutto il resto. Eh? Che ve ne pare in fatto di equità di spartizione compiti? Mahhh.lui con la scusa che non sa l'inglese lascia che sia io ad occuparmi di tutto. Ma va bene così, infondo lo devo ringraziare perchè non avrei mai pensato di poter davvero riuscire ad organizzare tutto.
Costo? Ridotto quando sai dove e come scegliere.
Reazioni? E' stato un sogno. Tutto come doveva essere. Perfetto.
Voglio sfatare il mito che sposarsi all'estero è molto costoso. Può tranquillamente essere alla portata di tutti. Addirittura è comunque più economico che non affrontare un matrimonio in Italia con tutti i vari orpelli che ci sono.
Farò ulteriore post per spiegare meglio la situazione dei matrimoni all'estero perchè ho notato un po di confusione sull'argomento.
Per ora questo è l'inizio della mia storia. Vi lascio con un po' di curiosità?..spero di sì. A dopo.
Buona mattinata!

Nessun commento:

Posta un commento