giovedì 15 maggio 2008

Giovedì nel mondo - Thursday around the world

Sarà Cuba?...noooo...saranno le Fiji?..noooo...questo giovedì si parla dei Wolof.
Ah!

ballo wolof

Qualcuno se lo sta domandando chi sono eh? :-D don't worry. I Wolof sono una etnia africana ancora esistente che si sviluppa tra i confini del Senegal (dove forma circa il 40% della popolazione) del Gambia (circa il 15%) e la Mauritania (circa il 7%). Un'etnia affascinante sia nella sua storia che nelle sue tradizioni. Premetto subito che anche se , a differenza di tante altre parti del mondo, non esiste un "combina-matrimoni" ufficiale, ancora oggi i matrimoni sono praticamente forzati dai genitori del futuro sposo che in molti casi sposerà sua cugina: in questo caso la sposa è chiamata Wurudu Jabar (moglie d'oro) e lo sposo Xaalisu Jeker (marito d'argento). Oggigiorno (per fortuna dico io) questa usanza inizia a non usarsi più e i moderni matrimoni infatti sono chiamati Taan kila neex ovvero "scegli la persona che ti piace".Ma ancora oggi le donne sono quasi obbligate dalle famiglie a contrarre matrimonio per evitare situazioni di prostituzione. Fenomeno allarmante.

Una donna deve comunque avere alcuni requisiti importanti per essere scelta come futura sposa:- la bellezza - voglia di lavorare - obbedienza - rispetto dei genitori -appartenenza alla stessa casta - assenza di cattive influenze.

donna wolof degli anni 50

Gli uomini praticamente "pagano" la famiglia della futura sposa, in passato con noci e gioielli, adesso quasi esclusivamente con denaro.
Il giorno precedente al matrimonio la famiglia della sposa organizza una festa per dimostrarle il loro amore e per prepararla alla vita con la famiglia del futuro marito. In questa occasione l'Imam e gli anziani danno consigli al futuro sposo in presenza della famiglia della donna, mentre questa è da un'altra parte con le zie, le amiche e le amiche della propria madre.
Il matrimonio generalmente dura solo un giorno e sono vietate le bevande alcooliche.
Chicca..con il "prezzo" pagato per la sposa, di solito vengono comprati prima di tutto gli utensili da cucina ..... :-D intelligenti.
Purtroppo per questo tipo di matrimoni non ci sono molte foto ma vi lascio le fonti di queste informazioni che sono wikipedia.org e wolof.org lì troverete delle belle foto, ma purtroppo non di matrimoni.



Thursday around the world


It will be Cuba?...naaaa...it will be Fiji?...naaaa...this thursday we'll talk about Wolof.
Ah!

wolof woman dancing

Someone is questioning who are Wolof aren't you? :-D don't worry. Wolof is an african ethnicity still existing that live among the borders of Senegal (where it compos about the 40% of the population) Gambia (about the 15%) and Mauritania (about the 7%). A fascinating ethnicity both in its history and in its traditions. I premise immediately that even if a professional figure as the "matchmaker" doesn't exist, still nowdays the weddings are almost forced by the man's families who in many cases will get married wiht his cousin: in this case the bride is called Wurudu Jabar (the golden wife) and the groom is called Xaalisu Jeker (the silver husband).
Nowdays (luckly I may add) this costum is beginning to fade and the modern weddings are in fact called Taan kila neex to say "choose the one you like".
But still today women are almost obliged to get married soon to avoid prostitution. Alarming phenomenon.
A woman must have some important requirments to be asked for marriage : - beauty - wish to work - obedience - respect for parents - belonging to the same caste - absence of bad influence.

wolof woman from '50s

The future groom actually "pays" the bride to her family, in the past with nuts and jewelery, today with money.
The day before the wedding ceremony the bride's family organize a party to show their love for her and explain her how to live with her future husband and family-in-law. In this occasion the imam and the elders give advise to the future groom at the presence of both families while the bride is away with her aunts,friends and her mother's friends. Generally the wedding last only one day and alchool beverage is forbidden.
The particularity...usually the firsts things bought by the bride with the "price" received are some kitchen utensils...:-D clever.
Unfortunately for this kind of weddings there aren't phots on internet so I give you the source of these infos which are Wikipedia.org and Wolof.org. There you can find some amazing photos but unfortunately not of weddings.

26 commenti:

  1. ciao cara!!! davvero interessanti i tuoi articoli del giovedì!!!
    baci e buonanoteeeeeeee!!!

    RispondiElimina
  2. Molto interessante, di nuovo. Brava.

    OT conosci vero Paper Source? Oggi ti ho fatto delle foto degli ultimi trends delle vetrine, specialmente per gli inviti,c'era molto marrone e ti ho pensata. Le foto non mi soddisfano ma puoi vedere il bel sito che hanno.
    Ma se conosci il mercato americano lo conoscerai di certo
    http://www.paper-source.com/
    Metto il link just in case ;)

    RispondiElimina
  3. Ciao tesoro è bello svegliarsi il giovedì e viaggiare un po' grazie ai tuoi bellissimi post...è come il rito del caffè: un appuntamento immancabile.
    Un bacio grande e buona giornata
    Fra

    RispondiElimina
  4. Questa tua rubrica mi piace sempre di più! Interessantissimo. Che belle che sono queste donno Wolof.
    Un baciotto, Alex

    RispondiElimina
  5. Thursday, and I know I should be here. =) Wolof is very new to me, but I'm sorry to hear that it's suffering almost the same plight like many other areas of Africa...
    I think the modern choice of partner is very fortunate, I can't imagine the fact of an arranged marriage! I think I would rather die...=P

    Thursday around the World is so informative and fun! Thanks for sharing, dearie. HUGS + Kisses...

    RispondiElimina
  6. no alcohol? I bet that wouldn't work out for most people over here! :)

    RispondiElimina
  7. Ciao tesoro,
    ma quanto amo questa rubrica???!
    Non sapevo nulla delle donne Wolof,sono proprio bellissime.
    Grazie Silvia,un bacio!

    RispondiElimina
  8. Buongiorno Silvia,
    che bello questo appuntamento culturale.
    Ho letto una volta che il fatto che gli uomini, in Africa, versano una somma di denaro o donni preziosi per la futura moglie era motivo di grande orgoglio per queste ultime. In quanto dimostrava l'alta considerazione della loro futura famiglia. Mentre trovavano degradante, per la donna, l'uso occidentale, della dote versata suoi genitori della sposina, come se il "valore" di quest'ultima non fosse abbastanza alto, della serie: dobbiamo pagare perchè qualcuno se la prenda.
    Risulta anche a te?

    RispondiElimina
  9. Bello e interessante, mi piace molto la foto della donna negli anni 50! Un bacione, Elga

    RispondiElimina
  10. Se se, voglia di lavorare é un requisito per forza: secondo me le donne mussulmane son le schiave degli uomini!!!
    :-(
    Domani ti beccherai una perla sul mio Blog a questo proposito!! :-P

    RispondiElimina
  11. Meravigliosa rubrica, brava!!
    Ho inserito il link del tuo blog sul mio nuovo, spero che non ti dispiaccia, l'ho messo perchè magari ci sono persone straniere che leggono e sono interessate al tuo servizio ;-) non si sa mai, visto che parli anche l'inglese...lo puoi trovare su http://theitalianvoice.today.com

    RispondiElimina
  12. è anche una lingua. lì vige anche la tradiizione secondo la quale le donna rimaste vedove devono dare ai parenti del marito la precedenza nel chiederla in moglie...

    RispondiElimina
  13. Ah Silvia, ormai il giovedì apro curiosa il pc per vedere di quale popolo parlerai!... mi piacciono sempre più questi tuoi post!

    RispondiElimina
  14. Stavo per partire con una delle mie filippiche in difesa del matriarcato... ma poi ci ho ripensato e te la risparmio, per questa volta...;)
    Sai che proprio stamattina ho ricevuto un invito a nozze in Toscana? magari ti scrivo per consigli...
    buona giornata!

    RispondiElimina
  15. OMG!!!
    Ma che storia é questo blog??!
    Ciao Magnolia, mi presento sono Lambretta da Cernobbio. A dire il vero sarei danese...

    Tornando a te... OMG che bello questo blog! Anche se io sono allergica alle parole Matrimonio, Convivenza, relazione... vado avanti... non posso che sghignazzare malignamente davanti alle foto delle decorazioni per le torte nuziali, alla prossima occasione ne ordino una da te, garantito al limone!!!

    RispondiElimina
  16. grande post,ammetto di sconoscerli completamente ma grazie a te anche questa lacuna e'stata colmata
    baciotti dolce silvia ;D

    RispondiElimina
  17. Sono rimasta indietro!!!, questa vita reale che si intromette nella vita da blogghista! Dopo aver assaggiato il tuo cuoricino dolce, mi sono gustata l'angolo culturale. Preferenze? La foto d'epoca in bianco e nero ... vintage, very cool!!!! Buona notte cara silvietta

    RispondiElimina
  18. Io invece cerco un appartamento a firenze da affittare a lungo termine.
    Mia cognata è diventata direttrice dei musei civici (spero sia giusto il titolo) di Firenze e al 1 luglio vede iniziare e sta cercando casa, hai qualche consiglio da darmi?

    siamo tutti molto orgogliosi di lei!

    RispondiElimina
  19. Ah, lo immaginavo che lo conoscessi, se lo sapevo perfino io che non lavoro con la carta!

    RispondiElimina
  20. sono davvero molto interessanti questi articoli, notte bellezza ;)

    RispondiElimina
  21. Ma quanto mi piace leggerti!Curiosa come sono poi...;-P è davvero un piacere. Sei proprio brava.Sally

    RispondiElimina
  22. molto molto interessante ,grazie mai avrei scoperto questa etnia buona giornata

    RispondiElimina
  23. Ma che bellezza! Sono splendidi i tuoi articoli del giovedì e chiedo formalmente scusa per essere passata solo oggi che è domenica...
    Mi piace l'idea di "dote" di utensili di cucina :)
    Buona domenica

    RispondiElimina
  24. Ma che simpatici questi wolof che si presentano col sacchetto di noci a casa degli zii!!! :-D

    RispondiElimina