giovedì 22 maggio 2008

Giovedì nel mondo - Thursday around the world

Bene bene..questa settimana devo fare un applauso a Stefania che ha preparato questa descrizione dei matrimoni giapponesi essendo lei traduttrice di giapponese e profonda conoscitrice delle loro tradizioni ..quindi io da brava bambina ho fatto spazio alla sua cultura in materia jap e posto questa sua ricerchina sui matrimoni tradizionali giapponesi. Grazie cara.
La coppia giapponese può scegliere tra due tipi di cerimonie "tradizionale" o "occidentale".
Dato che le curiosità e particolarità di entrambi i tipi di matrimonio sono molti, Stefania non me ne voglia ma per oggi parleremo solo delle cerimonie tradizionali.Con più calma poi ci occuperemo di quelli in stile occidentale.

La cerimonia tradizionale si svolge in un santuario scintoista e vi partecipano solo i parenti più stretti delle due famiglie. Nel caso gli sposi si siano conosciuti mediante un omiai (cioè un incontro ufficiale organizzato per far conoscere due persone a scopo matrimoniale), saranno presenti anche i nakodo, ovvero colore che hanno fatto da intermiediari che sono di solito amici di famiglia o persone di fiducia.
Oggigiorno un'alternativa a questi omiai sono i gokon che sono una specie di incontro di gruppo dove si incontrano più ragazze con più ragazzi.
Credo che meritino un intero post i vestiti degli sposi che sono a mio parere favolosi.


La sposa indossa una veste ampia e suntuosa è chiamata uchikake, è indossata aperta sopra un kimono detto kakeshita. Questa veste può essere a sfondo rosso con motivi augurali oppure completamente bianco (in questo caso detto shiromuku). Come in molte altre culture , anche in questa il bianco non simboleggia la purezza ma il distacco dalla vita precedente e l'inizio di una vita nuova con il marito.


La sposa indossa anche un copricapo caratteristico detto tsunokakushi:questo termine, spiega Stefania, significa "nascondere le corna"..chiaramente sia io che lei essendo entrambe un po' spiritose abbiamo subito pensato male :-P...vero?...in realtà le corna nella cultura giapponese simboleggiano rabbia ed egoismo e quindi coprirle indica la volontà della sposa di reprimere questi sentimenti.

Lo sposo invece indossa il hakama che è un indumento tradizionale e kimono nero con una giacca haori ampia e corta.


Il momento più importante e simbolico della cerimonia è il sansakudo, ovvero lo scambio tra gli sposi delle coppe di sakè, bevuto per 3 sorsi e in 3 coppe diverse. Solitamente il ricevimento viene tenuto con parenti e amici in una sala di un hotel e la sposa si cambia spesso passando anche ad abiti in stile occidentale anche di colori vistosi.
La curiosità?..generalmente la tradizione prevede che la donna si sposi entro i 25 anni. E' per questo motivo che una donna nubile sopra i 25 è chiamata "Christmas cake" come una torta di Natale...:-D dopo il 25 non è più "valida"...:-D ma che hanno la scadenza? ..grande Stefania! Anzi approfitto per comunicare che io e Stefania collaboreremo organizzando matrimoni in stile giapponese sia per stranieri che per italiani...sarà meraviglioso :-D


Thursday around the world
Well well....this week I must applaud Stefania who has prepared this description about japanese weddings as she is a translator of japanese and a deep expert of this country...so for the fact that I am a good girl I leave the place to her knowledge of jap-things and post this entry thanking her for her good job. Thank you dear.
A japanese couple can choose between two different kind of ceremonies: the traditional one and the western style one.
For the fact that the particularities and curiosities about both these ceremonies are a lot we would talk this time only of the traditional weddings and in the future we will take a better look also to the new western style ones.

The traditional ceremony takes place in a shintoist sanctuary and only the couple's families attend it. If the couple met thank to the omiai (which is an ufficial meeting between two persons for a wedding aim) also the intermediaries of this meeting called the nakodo, who are usually family's friends or trusted persons, attend the ceremony. Nowdays an alternative to this omiai are the gokon that are kind of group meeting among several women and several men again for wedding aim.
I think that the wedding dresses should deserve an intere post as they are stunning.


The bride wears a wide and lavish dress called uchikake, is wear open on a kimono called kakeshita. This dress can be with a red background embroidered with goodwill motifs or completely white (and in this case is called shiromuku). As in many others traditions around the world the white colour does not indicate pureness but onle the separation from her old life and the beginnig of a new life with her husband.


The bride also wears a characteristic headgear called tsunokakushi: this term , explain Stefania, means "hiding the horns"...obviously both she and being a little bit malicious immediately thought about something in particular :-D..but actually in japanese culture the horns symbolise anger and selfishness so a bride wearing this headgear wish to show her husband her willing to suppress those bed feelings.

The groom wears instead a special traditional garment called hakama and a black kimono with a wide and short jacket called haori.


The most important and particular rite of this ceremony is the sansakudo where the couple exchange cups of sakè and drink 3 sips from 3 different cups. Usually the receiption is held with the families and friends in a specific room in an hotel and the bride often changes dress even wearing western style dresses also of bright colours.
The curiosity? Generally the tradition says that a woman must get married within her 25 years. In fact a maiden woman over 25 is called "Christmas cake" ...:-D after the 25 is not "valid" anymore...does she have an expiring date? :-D...thanks Stefania. I take this chance to announce that Stefania and I will collaborate to organize japanese style weddings for both foreigners and italians ...will be fantastic :-D

32 commenti:

  1. le tue descrizioni sono talmente belle ed interessanti da sembrare dei veri racconti...
    una dolce e serena notte mia cara!!!
    baci!

    RispondiElimina
  2. Bellissimo post...la cultura giapponese mi affascina molto.
    Grazie ancora per questi stupendi appuntamenti del giovedì e complimenti per la collaborazione
    Un bacio
    Fra

    RispondiElimina
  3. Thursday around the world, and I know that I should be here with you. What a post this is, and I am reminded of my wedding in Japan. We did not hold it in the temple though, as we are Christians. I see your creativity of arranging Jap wedding, that's a lot of study involved!

    Say... you should one day share your own wedding day's stuff. Oh, yes, Italian wedding too! I'm really interested. =D

    Hugs to you babe + lotsa kisses!

    RispondiElimina
  4. Il Giappone come l'oriente in generale mi ha sempre affascinata!
    Che abiti meravigliosi!
    Grazie per questo imperdibile e bellissimo appuntamento Silvia!
    Un bacio enorme!

    RispondiElimina
  5. ma che delizia....e che strano!!
    noi siamo abituate ai matrimoni in total whyte......

    RispondiElimina
  6. Adorabile, meravigliosa Silvia
    Sei una cosa preziosa per tutte le tue amiche.
    Te lo dico una volta per tutte.
    Sei sempre presente con i tuoi commenti e trovi il tempo, sempre, di comunicare il tuo entusiasmo.
    Ma quando potremo conoscerci???
    Baci
    Grazia
    P.S. e i tuoi post sono sempre belli ede interessanti

    RispondiElimina
  7. Avrei voluto sapere qualcosa di piú sulle usanze alimentari e su cosa si mangia di solito...
    :-/
    Per esempio si usa la torta o no?

    Ieri complimenti, oggi piccola critica
    ;-P
    ma sei sempre bravissima!
    :-)

    RispondiElimina
  8. Che belli i costumi giapponesi, sono davvero da sogno. Tra l'altro quel Kimono non é nemmeno un o dei piú belli che abbia visto... e quello che ha postato Silvia é da favola.
    Queste tradizioni cosí lontane mi fanno davvero andare via con la mante lontano dove i fiori di ciliegio sono ancora apprezzati e dove l'estetica ha un valore spirituale...

    RispondiElimina
  9. silvia-dolce
    ma che bello e che interessante! splendido il vestito colorato. interessantissimo la descrizione e spiegazione di quello bianco.
    brava! brava! brava!
    appuntamento imperdibile. Complimenti.

    RispondiElimina
  10. Grazie per averci parlato di questo matrimonio, posso dire di aver imparato qualcosa di nuovo oggi.
    Anche se, devo ammettere che leggere la parola "intermediari" mi rovina un pò la magia del primo incontro...che ne dici?
    Ciao:-)

    RispondiElimina
  11. Nascondere le corna?!?
    Anche a me è venuto da pensar male!! ^__^

    Il kimono della prima fotografia è splendido.. da favola!! :)
    Baci

    RispondiElimina
  12. che bel post Silvia è sempre interessante conoscere le tradizioni di altri popoli e che vestiti.... baci cara!

    RispondiElimina
  13. ri-ciao,
    ti ho nominato nel mio primo meme.
    un bacione

    RispondiElimina
  14. Posso essere birichina e rovinare la poesia? Il copricapo e' stupendo, ma tutte le mie amiche che l'hanno indossato hanno detto che e' una tortura terribile perche' copricato + parrucca pesano tantissimo. E anche il pesante trucco bianco pare sia molto fastidioso e difficile da togliere. ^-^;

    RispondiElimina
  15. avendo un cugino che si è sposato in giappone con una giapponese sapevo dell'usanza degli abiti e del sakè ma per il resto, se non ci fossi stata tu non ne avrei saputo di più!
    un bacetto piccolo, lo sai perchè ;)

    RispondiElimina
  16. brava Silvia... secondo me fai bene a cercare di mantenere "i racconti dei matrimoni del giovedì" con questa impostazione... mi incuriosisci sempre molto!

    RispondiElimina
  17. sapevo che saresti stata tu la prima a firmare il guest book.
    e ne sono proprio felice.
    grazie

    RispondiElimina
  18. Brava Stefania (che conosco di persona che tra poco sarà mia concittadina)!!!

    RispondiElimina
  19. Ciao silvia! Belli questi post sulle usanze matrimoniali di altri popoli..venire d te è come affacciarsi da una finestra e vedere tutto il mondo :))...e devo dire grazie anche a Stefania :-D
    Li a Firenze, com'è il tempo? No sai perchè qui per non annoiarci ancora piove!
    Un bacio

    RispondiElimina
  20. Bello questo post...e poi mi interessa particolarmente dato il mio settore di studi! Grazie per le informazioni!

    RispondiElimina
  21. Magnifica Silvia, moooolto interessante e poi il Giappone é veramente affascinante. Che meraviglia cambiarsi d'abito più volte ... da vera principessa! Baci
    I'm very proud !!!!!!

    RispondiElimina
  22. Questo post è bellissimo e molto interessante! Bravissima!

    RispondiElimina
  23. Eccomi qui, mi è venuto in mente che oggi è giovedì e sono passata a curiosare!
    Bravissima, come sempre!

    RispondiElimina
  24. Adoro l'incontro del giovedì, adoro il giappone immagina che splendore è stato per me leggerti oggi :)

    RispondiElimina
  25. salutino serale e premio!!! ti aspetto da me!
    baci.

    RispondiElimina
  26. Grazie a tutti quelli che hanno apprezzato il post... e a Silvia che mi ha gentilmente "ospitata"! ^__^

    RispondiElimina
  27. interessantissimo un'applauso a stefania ciao

    RispondiElimina
  28. Grazie davvero per gli auguri che mi hai lasciato sul post di Chantilly.........
    un abbraccio e buon week

    RispondiElimina
  29. The Japanese wedding kimono that you feature is simply stunning - I'm not so sure about the headgear though!

    RispondiElimina
  30. Quello che si vede qui al terzo minuto e' dunque un matrimonio giapponese ?

    RispondiElimina
  31. Che bello acculturarsi su altre usanze... io sarei ormai da buttare superato l'età max non posso sposare un giapponese ahahaha

    RispondiElimina
  32. ciaoooo Silvia solo un salutino da una giornata finalmente soleggiata! baci Ely

    RispondiElimina